In camper

Caro camper ti scrivo, così viaggio un po’

Ciao Stella, come stai?

Sembra passata una vita dall’ultima volta che ci siamo visti. Era febbraio. Eravamo stati al mare nella mia Toscana. Avevamo mangiato in spiaggia. Corso con la sabbia tra i piedi. Il vento tra i capelli. Il salmastro nel naso. Il sapore di sale sul viso. I pantaloni al ginocchio rigorosamente bagnati.

È stata l’ultima volta in cui abbiamo chiuso il tuo portellone, un gesto semplice e talmente normale. Fatto senza pensare, anzi pensando di riaprirlo il weekend dopo. E invece sono passati due mesi. Tanti. Troppi. 

E ci manchi. Ci manca tutto di te. 

Dentro di te ognuno di noi ha lasciato un pezzetto di vita. Di cuore.

Le bambole, i libri, i giochi. I ricordi. Il sapore dei nostri viaggi. Le emozioni. I km percorsi insieme.

Ci manca il tuo odore. Ci manca quella sensazione di quando dopo mille cose dimenticate finalmente chiudiamo la porta di casa, saliamo a bordo, giriamo la chiave. E partiamo. E piano piano km dopo km ci lasciamo tutto indietro.

Piano piano diventiamo leggeri e voliamo via.

Pronti per una nuova avventura, pronti per scoprire il mondo, a volte il mondo è aldilà delle montagne, a volte è sopra in mezzo alla neve, a volte è oltre mare. A volte è dietro casa.

Camper Stella a Livigno

Non importa quanti km facciamo, basta essere insieme. Basta addormentarsi cullati da miliardi di stelle ed essere svegliati da un timido raggio di sole.

Camper Stella in

Basta aprire la finestra, fare colazione e godere del panorama che quel giorno ci regali. Ogni volta uno spettacolo nuovo.

Basta guardare il mondo che scorre fuori dal finestrino e capire in quell’attimo quanto tutto sia meraviglioso.

Basta respirare l’aria di libertà che ci regali.

Mati e Cri ogni mattina aprono gli occhi e chiedono: “È finito il virus? Partiamo in camper?” 

Gli manca il loro lettone, il loro microcosmo, la loro libertà. Gli manca la loro Stella.

Camper Stella le bimbe

Gli ho detto che manca poco. Che presto ti rivedremo.

La Cri ha già preparato il suo zainetto.

E anche noi. Dentro ci abbiamo messo un po’ di avventura, l’emozione, un mare di stelle, tanta natura e poi la libertà. Quella che più ci manca. 

A presto Stella, inizia a riscaldare i motori che tra poco torneremo a viaggiare insieme.

In fondo è la vita, bellezza! E non dobbiamo mai dimenticare di viverla.

La vita è un lungo viaggio, ognuno sceglie quello che preferisce, noi abbiamo scelto di viaggiarla in camper!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!